Scopri “Teams view-only meeting” la soluzione perfetta per riunioni affollate

Microsoft Teams, l’applicazione in più rapida crescita, è un hub per il lavoro che ad aprile 2021 contava 145 milioni di utenti attivi ogni giorno.

Con gran parte dei lavoratori in remoto, le riunioni si sono spostate quasi tutte su questa piattaforma. La capacità effettiva delle riunioni di Microsoft Teams è di 300 partecipanti per i tenant commerciali. Quando si tratta di imprese su larga scala, è necessario però che più dipendenti partecipino a una riunione.

Per superare questa difficoltà, Microsoft ha lanciato una funzione “Teams view-only meeting” che consente a un massimo di 20.000 utenti di partecipare alla riunione dopo aver superato il limite dei partecipanti. Dalla prima settimana di luglio 2021, sarà limitato a 10.000 partecipanti.

La modalità di sola visualizzazione di Teams è disabilitata per impostazione predefinita. Attualmente è possibile abilitarlo tramite PowerShell. Sarà disponibile a breve nell’interfaccia utente.

Abilita Teams View-Only Meeting con PowerShell

È possibile usare PowerShell per abilitare o disabilitare la modalità dei partecipanti di sola visualizzazione modificando i criteri della riunione di Teams. Solo gli amministratori possono modificare i criteri di riunione di Teams.

Per consentire questa modalità in PowerShell,

Set-CsTeamsMeetingPolicy -Identity Global -StreamingAttendeeMode Enabled

Per disabilitare questa modalità in PowerShell,

Set-CsTeamsMeetingPolicy -Identity Global -StreamingAttendeeMode Disabled

Per eseguire il cmdlet precedente, è necessario installare e connettersi a Microsoft Teams PowerShell.

Nota: gli utenti devono essere configurati con l’abbonamento a Microsoft 365 E3 / E5 o a Microsoft 365 A3 / A5 per organizzare o partecipare a una riunione di sola visualizzazione. 

Ruoli di relatore e organizzatore nella riunione di sola visualizzazione

L’organizzatore crea il meeting link e imposta il presentatore al momento della creazione. Sia come come presentatore o organizzatore, si possono sperimentare tutte le funzioni, tra cui i controlli audio e video che si hanno nei Teams Meeting.

Una volta che il numero massimo è raggiunto, organizzatori e presentatori riceveranno un avviso che informa “Questo incontro ha raggiunto la capacità. I partecipanti che si iscrivono ora avranno accesso di sola visualizzazione”.

L’immagine seguente mostra il banner nella parte superiore della schermata della riunione.

Microsoft Teams non supporta E-discovery per i partecipanti in sola visualizzazione. Gli organizzatori agiscono come host per la riunione. Possono partecipare nuovamente e possono accedere a tutte le funzionalità anche se hanno lasciato la riunione principale. In qualità di relatore, invece, non è possibile partecipare alla riunione con accesso completo quando si ha lasciato la riunione dopo aver raggiunto la capacità massima. È possibile rientrare come partecipante in sola visualizzazione.

Esperienza dell’utente “regolare” nella riunione principale

Gli utenti fanno clic sul link inviato dall’organizzatore per accedere al meeting. Avranno tutte le funzionalità in base ai permessi assegnati loro dall’azienda.

  • Come utente normale, è possibile utilizzare tutte le funzionalità come la condivisione di audio e video e la partecipazione alla chat della riunione.
  • Lo spazio disponibile nella riunione principale consente a un utente di partecipare alla riunione principale se uno degli utenti regolari lascia la riunione. I partecipanti possono unirsi o riunirsi alla riunione fino a quando la riunione principale non raggiunge nuovamente la sua capacità.

Partecipazione a una riunione che raggiunge la capacità

Se la capacità della riunione principale è stata raggiunta (299 + 1 organizzatore), un partecipante non potrà partecipare come partecipante normale. Potrà partecipare solo come partecipante in sola visualizzazione.

Esperienza di riunione dei partecipanti in sola visualizzazione

I partecipanti in sola visualizzazione sperimenteranno le seguenti funzionalità:

  • possono partecipare tramite Desktop, Web, Teams Mobile (Android e IOS).
  • possono ascoltare i partecipanti alla riunione principale come i normali partecipanti.
  • possono accedere ai feed audio e video dell’oratore attivo se stanno condividendo.
  • possono vedere il contenuto condiviso tramite la funzionalità Desktop.
  • i partecipanti non dovrebbero cambiare in regolare partecipante se uno dei partecipanti regolari lasciato la riunione principale.
  • supportano la tecnologia di streaming.

L’immagine qui sotto è quella che visualizzerà prima di entrare il partecipante in sola visualizzazione:

Nota: i partecipanti in sola visualizzazione avranno 30 secondi di ritardo audio e video nella riunione.

Limitazioni per i partecipanti in sola visualizzazione

I partecipanti in sola visualizzazione non possono provare le seguenti funzionalità:

  • Quando la riunione raggiunge la sua capacità, i partecipanti in sola visualizzazione non possono partecipare alla riunione se non dispongono dell’autorizzazione per bypassare la sala d’attesa in base ai criteri o alle opzioni della sala d’attesa impostati.
  • I partecipanti in sola visualizzazione non possono condividere il loro video o audio e non possono partecipare alla chat della riunione.
  • I partecipanti in sola visualizzazione non vedranno il feed video degli utenti nella riunione principale a meno che non siano oratori attivi.
  • I partecipanti di sola visualizzazione non possono accedere ai file PowerPoint condivisi utilizzando la funzionalità PowerPoint Live o le singole condivisioni di applicazioni (diverse dalla condivisione del desktop o dello schermo).
  • I partecipanti in sola visualizzazione non possono alzare la mano durante la riunione.
  • I partecipanti in sola visualizzazione non possono partecipare alla riunione se l’organizzatore non ha il permesso di bypass lobby.
  • La riunione supporta solo didascalie in inglese. I partecipanti in sola visualizzazione potranno vedere i sottotitoli in tempo reale solo su desktop e Web.
  • I partecipanti in sola visualizzazione avranno un’unica esperienza video. Possono vedere il video dell’oratore attivo o il contenuto condiviso ma non entrambi.

Imperfezioni

Sebbene le caratteristiche di Teams siano sorprendenti e aggiornate, presenta ancora alcuni inconvenienti tecnici.

  • Un relatore (oratore attivo) non può partecipare nuovamente alla riunione con accesso completo dopo aver lasciato la riunione.
  • Né l’organizzatore né il presentatore non ha accesso per visualizzare l’elenco dei partecipanti in solo visualizzazione.
  • L’organizzatore e presentatore non avranno il report di partecipazione dei partecipanti che hanno aderito dopo la riunione principale.
  • Lo svantaggio principale di questa funzione è che una volta che una riunione supera la sua capacità, una persona può partecipare solo come partecipante in sola visualizzazione, anche l’organizzatore non può renderlo un partecipante regolare.

Conclusioni

Guadagnare produttività e una comunicazione arricchita è il vantaggio più evidente di Teams. In questo modo, questa nuova modalità offrirà un’esperienza diversa, anche se al momento sono presenti sia pro che contro. I futuri aggiornamenti risolveranno sicuramente i problemi nell’esperienza di sola visualizzazione.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: https://o365reports.com/2021/05/06/teams-view-only-meeting-experience/

Annunciata la public preview per OneDrive Sync Admin Reports

Microsoft è felice di annunciare il rilascio dell’anteprima pubblica degli Admin Reports di OneDrive Sync nell’interfaccia di amministrazione di Microsoft 365.

Questi report offrono maggiore visibilità su chi nell’ organizzazione esegue il client di sincronizzazione di OneDrive e su eventuali errori che potrebbero riscontrare. OneDrive Sync è molto simile all’elettricità o a Internet: le persone tendono a darlo per scontato finché non hanno un problema e sono nel bel mezzo di un progetto importante. Questo è ancora più vero ora con così tante persone che lavorano da casa e si affidano a funzionalità cloud come OneDrive e SharePoint Online per essere produttive. Avere informazioni dettagliate su ciò che sta accadendo con OneDrive Sync può aiutarti a raggiungere in modo proattivo le persone per educarle a risolvere problemi comuni e migliorare l’esperienza utente.

Ottieni una panoramica di OneDrive Sync in tutta l’azienda

Quando apri la dashboard dello stato di OneDrive Sync, vedrai un riepilogo esecutivo di cosa sta succedendo all’interno dell’organizzazione. A sinistra, puoi vedere quanti dispositivi hanno almeno un errore di sincronizzazione. Al centro, puoi vedere a colpo d’occhio quale percentuale dei dispositivi nella tua organizzazione ha cartelle note che OneDrive sta aiutando a proteggere. Puoi vedere quale percentuale di dispositivi ha tutte e tre le cartelle (Desktop, Documenti e Immagini) sincronizzate, quelli che hanno solo una o due cartelle e quelli che hanno scelto di sincronizzare nessuna (il che significa che se dovesse succedere qualcosa su quei dispositivi, tutto il contenuto di quelle cartelle andrebbe perso). A destra, puoi vedere quanti dispositivi sono in esecuzione sulla versione corrente di OneDrive.

Risolvi rapidamente i problemi di sincronizzazione per aiutare le persone a rimanere produttive

Quando qualcuno nella tua azienda segnala un problema durante la sincronizzazione dei file su OneDrive, puoi indagare rapidamente senza dover chiedere ulteriori dettagli e screenshot del messaggio di errore tramite la chat di Microsoft Teams o la posta elettronica di Outlook. Ciò può far risparmiare tempo prezioso sia a te che all’utente. Avere queste informazioni sugli errori di sincronizzazione ti aiuta a reagire rapidamente alle richieste di aiuto ed essere più proattivo nel ridurre il verificarsi degli errori di sincronizzazione più comuni, fornendo più istruzione agli utenti in generale o contattando utenti specifici direttamente in base alle necessità.

Nella visualizzazione Dettagli puoi vedere tutte le informazioni per gli utenti che eseguono OneDrive Sync. Per risolvere le richieste di aiuto, puoi facilmente cercare il nome della persona e avere un’idea del problema vedendo quanti errori di sincronizzazione ha. Per visualizzare i dettagli sul tipo di errore, è possibile fare clic sul nome utente per aprire il pannello dei dettagli. Qui puoi vedere quale dispositivo sta utilizzando e quale build del client di sincronizzazione di OneDrive sta utilizzando. Puoi anche vedere gli errori specifici che si verificano sul suo device, come i problemi relativi a nomi di file e cartelle non supportati. Con queste informazioni, puoi rispondere con i dettagli sull’errore e i passaggi per risolvere il problema.

A colpo d’occhio nella tabella Dettagli, puoi vedere altri utenti che hanno un numero elevato di errori di sincronizzazione. Puoi fare clic sul nome di qualsiasi utente per visualizzare gli errori esatti. Ciò è particolarmente utile se stai cercando modi per ridurre gli errori in tutta l’organizzazione per migliorare l’adozione di OneDrive. In questo modo, puoi contattare i gruppi di utenti che riscontrano errori simili per fornire materiali di formazione che possono aiutarli a risolvere gli errori e migliorare l’esperienza utente.

Tieni traccia facilmente dello stato delle implementazioni di Known Folder Move

Se stai distribuendo Known Folder Move (KFM) per la tua organizzazione per aiutare le persone a mantenere le loro cartelle desktop, documenti e immagini protette sincronizzandole nel cloud con OneDrive, questo è un ottimo modo per monitorare i progressi. Puoi facilmente vedere quali errori si sono verificati, quante persone hanno scelto di proteggere alcune o tutte le cartelle e quanti dispositivi sono stati aggiornati con l’ultimo client di sincronizzazione di OneDrive.

Supponiamo che tu stia distribuendo KFM al tuo team, che ha circa 75 persone. Puoi controllare lo stato della tua distribuzione facendo clic nella vista Dettagli, che ti offre una visione migliore dei dispositivi appartenenti a persone specifiche, in modo da poter vedere chiaramente quali cartelle gli utenti hanno selezionato per la sincronizzazione.

Dai ai remote workers la fiducia che le loro informazioni siano sincronizzate in modo sicuro nel cloud

Con più persone che lavorano da casa, hai anche bisogno di un modo migliore per trasferire gli utenti a nuovi dispositivi contribuendo al contempo a garantire che non perdano dati dai loro vecchi device. Ad esempio, è necessario controllare lo stato di sincronizzazione del laptop di qualcuno prima di fargli sapere che può iniziare a utilizzare in sicurezza quello nuovo e rispedire quello vecchio alla società. Prima di dare il via libera, assicurati che tutti i suoi dati siano stati caricati tramite KFM, in modo da vederli non appena accede al suo nuovo dispositivo. Quando visualizzi il nome dell’utente nel riquadro Dettagli, puoi vedere che ha scelto di sincronizzare tutte e tre le cartelle con OneDrive e che tutti i caricamenti sono stati completati correttamente.

Con questi nuovi rapporti di amministrazione, puoi sapere facilmente tutto ciò che accade nella tua azienda, dagli errori di sincronizzazione che le persone stanno affrontando allo stato di un’implementazione di KFM o alla versione dell’app su cui si trovano, aiutandoti a risolvere rapidamente i problemi in modo da poterti concentrare su altre attività strategiche.

Per gestire e configurare le dashboard di amministrazione di OneDrive Sync, fai riferimento a questa documentazione.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: https://techcommunity.microsoft.com/t5/microsoft-onedrive-blog/announcing-public-preview-of-onedrive-sync-admin-reports/ba-p/2303407

Come semplificare le richieste con le nuove funzionalità di Microsoft Teams

Ottenere un’approvazione è una parte essenziale di quasi tutti i flussi di lavoro: può essere un riconoscimento scritto dal manager, un’autorizzazione formale da parte di uno stakeholder o una firma ufficiale di un cliente. Indipendentemente dal tipo di approvazione necessaria, può essere difficile monitorare e gestire le richieste quando sono coinvolti molti sistemi e persone e spesso porta a ritardi inutili.

Le approvazioni in Microsoft Teams consentono a tutti, dai lavoratori in prima linea ai dipendenti della sede centrale dell’azienda, di creare, gestire e condividere facilmente le approvazioni direttamente da Teams.

Creare una richiesta di approvazione con una firma elettronica

A volte potrebbe essere necessaria un’attestazione più formale e l’obbligo di firma da parte dei responsabili. Ora, partner chiave come Adobe Sign, DocuSign e altri fornitori di terze parti ti consentono di creare un’approvazione della firma elettronica in modo nativo all’interno dell’app Approval. Con questa nuova funzionalità, gli approvatori possono aggiungere la propria firma senza lasciare Teams, consentendo un processo efficiente e più veloce. Una volta completato, le informazioni vengono archiviate in Teams ed è possibile accedere facilmente al record di approvazione e visualizzare le firme elettroniche.

Per richiedere la firma elettronica dell’approvatore, scegli eSign come tipo di richiesta. Quindi scegli il tuo fornitore di firma elettronica, seleziona il file che deve essere firmato e includi i dettagli aggiuntivi necessari. Una volta inviato, ai firmatari interni viene inviata una notifica tramite Teams e un’e-mail che richiede la loro firma. Se il firmatario è esterno all’organizzazione, riceverà una notifica tramite e-mail, in cui potrà facilmente rivedere i dettagli e firmare. Le approvazioni terranno traccia dell’intero audit trail proprio nel contesto di Teams, in modo da poter tenere traccia di chi ha già firmato l’approvazione e quando è stata firmata.

Creare un modello di approvazione

Per semplificare i flussi di lavoro, i nuovi modelli pronti all’uso forniscono una struttura ripetibile per approvazioni comuni come la compilazione di note spese o la richiesta di straordinari. Gli amministratori e i proprietari dei team possono utilizzarli così come sono, personalizzare o creare nuovi modelli per la propria organizzazione e i propri team.

Potrai anche creare modelli di approvazione facendo clic su Gestione modelli nel menu extra e seguendo le istruzioni. Immetti il nome del modello, seleziona gli approvatori, aggiungi i campi del modulo necessari e le impostazioni del flusso di lavoro. Al termine, premi pubblica.

Una volta creato il tuo primo modello organizzativo, crea un nuovo team di amministratori. Da lì, potrai aggiungere altri amministratori in grado di gestire i modelli organizzativi, direttamente dall’app Approvals.

Creare una richiesta di approvazione con modelli

Sfrutta i modelli che l’amministratore o il proprietario del team ha abilitato per te e semplifica la creazione di una richiesta di approvazione. Utilizza il modulo strutturato per inserire tutte le informazioni necessarie e i dati mancanti per un’approvazione più rapida.

Nuove funzionalità per gli allegati

L’hub di approvazione consente di allegare file direttamente da OneDrive e SharePoint, nonché di allegare un collegamento generico per il contenuto ospitato al di fuori di Microsoft 365. Ciò garantirà che l’approvazione sia connessa all’ultima versione del file, riflettendo qualsiasi cambiamento.

Supporto per Markdown

Microsoft sta anche aggiungendo il supporto completo per Markdown sia nelle schede adattive che nella visualizzazione dei dettagli, così puoi assicurarti che tutte le approvazioni siano formattate correttamente per tutti i processi.

Approvare o rifiutare una richiesta di approvazione in linea

Le schede adattive basate sui ruoli Approvazioni consentono di rispondere rapidamente a una richiesta di approvazione direttamente dalla chat o dal canale senza dover visualizzare i dettagli. Se non sei autorizzato a rispondere alla richiesta, non vedrai i pulsanti “Approva” o “Rifiuta” sulla scheda.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: https://techcommunity.microsoft.com/t5/microsoft-teams-blog/streamline-requests-with-new-approval-features-in-microsoft/ba-p/2259871

Microsoft Forms alimenta gli Approvals Templates in Microsoft Teams!

L’anno scorso, molte aziende hanno dovuto digitalizzare i flussi di lavoro, inclusi i processi di approvazione. Con l’app Approvazioni in Teams, è possibile creare, gestire e condividere approvazioni direttamente dal flusso di lavoro. Per supportare meglio i processi, Microsoft ha annunciato il mese scorso a Ignite l’introduzione dei modelli di approvazione a partire dalla fine di aprile.

I modelli consentono di personalizzare facilmente i processi di approvazione. Dalle richieste di ferie alle richieste di straordinari, i modelli forniscono una struttura ripetibile per le approvazioni comuni, che includono un form.

Come funziona?

In qualità di amministratore o proprietario di un canale Teams, puoi creare e gestire modelli di approvazioni a livello di organizzazione sul tuo desktop o tablet. Microsoft Forms è incorporato in questi modelli come soluzione white label. Come visto sopra, la creazione di moduli nel passaggio 2, “Progettazione di moduli”, è interamente basata su Forms.

Attualmente, puoi scegliere tra tre tipi di domande per il tuo modulo: scelta multipla, testo aperto e data. L’esperienza di progettazione dovrebbe risultare familiare, poiché è semplice come la tipica esperienza di creazione di un modulo con Microsoft Forms.

I moduli alimentano anche l’interfaccia attraverso la quale i membri del tuo team compilano la richiesta di approvazione, come visto sopra. Utilizzando il modello che hai creato, possono compilare rapidamente la loro richiesta su dispositivi di qualsiasi dimensione.

La protezione anti-phishing dei moduli, la convalida dei dati e la convalida dell’utente contribuiscono anche a garantire una richiesta sicura e di qualità.

Dopo il loro invio, tu o l’approvatore pertinente del tuo team potete approvare la richiesta. In qualsiasi momento, è possibile visualizzare le informazioni aggregate raccolte da queste approvazioni, nonché esportarle in un file CSV per ulteriori analisi in Excel.

Aggiornamenti aggiuntivi in Microsoft Forms

Abilita i moduli in PowerPoint senza dover distribuire i componenti aggiuntivi di Office

L’inserimento di un modulo o di un quiz in PowerPoint sull’applicazione desktop è stata un’integrazione apprezzata dagli utenti sia nel mondo Enterprise che in quello Education. Tuttavia, se un’organizzazione non desidera abilitare tutti i componenti aggiuntivi di Office, i suoi utenti non sono in grado di aggiungere sondaggi ai propri deck PowerPoint.

Microsoft è lieta di annunciare che gli amministratori IT possono ora utilizzare la distribuzione centralizzata per abilitare solo il componente aggiuntivo Forms per PowerPoint, senza abilitare tutti i componenti aggiuntivi di Office. Con questo miglioramento, l’integrazione diventerà più ampiamente accessibile a tutti i membri dell’azienda.

Invia un modulo utilizzando un URL abbreviato

Ora è possibile utilizzare un URL più breve quando si raccolgono le risposte al modulo. Un collegamento abbreviato consente agli intervistati di digitare e accedere facilmente al collegamento; risulta anche più condivisibile e professionale.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: https://techcommunity.microsoft.com/t5/microsoft-forms-blog/microsoft-forms-powers-approvals-templates-in-microsoft-teams/ba-p/2262158?ocid=usoc_LINKEDIN_M365_spl100002028124375

Connetti due (o più) account con Microsoft Teams Connect

Quest’anno a Microsoft Ignite, Microsoft ha annunciato Teams Connect, una feature che semplifica la collaborazione all’interno e all’esterno dell’azienda abilitando funzionalità simili a canali condivisi.

Per capire meglio cos’è Teams Connect e come trarne vantaggio, è importante prima comprendere il funzionamento interno di Microsoft Teams.

Alcuni retroscena su Microsoft Teams

Microsoft Teams è una piattaforma estendibile per la collaborazione su Microsoft 365. Invece di informazioni segmentate, fornisce contenuti nel giusto contesto attraverso l’uso del lavoro basato sui canali.

All’interno di ogni team in Microsoft Teams, gli utenti ottengono un set di servizi extra oltre a quelli visualizzati sul front-end:

  • Sito di SharePoint che include una raccolta documenti per lavorare sui file.
  • Blocco note di OneNote per note non strutturate.
  • Cassetta postale di Exchange Online con un calendario condiviso per pianificare riunioni e chiamate.
  • Planner per gestire le attività all’interno del tuo team.
  • Area di lavoro di Power BI (sarà necessaria una licenza aggiuntiva).
  • Canale video in streaming.

L’accesso a un team è protetto da un oggetto in Azure Active Directory denominato Microsoft 365 Group. Questo gruppo ha un elenco di membri e definisce chi può accedere al team.

Microsoft Teams utilizza un approccio diretto per i ruoli:

  • I proprietari creano un team, invitano e rimuovono membri e ospiti e possono eliminare un team.
  • I membri possono creare canali (standard e privati) e creare schede.
  • Gli ospiti possono lavorare solo nella loro struttura data.

Sono gli utenti esterni e gli ospiti che trarranno il massimo vantaggio dall’introduzione di Teams Connect.

Utenti esterni in Active Directory

In qualità di proprietario di un team di Microsoft Teams, puoi invitare membri (interni) e ospiti (esterni). Gli utenti interni sono già presenti in Azure Active Directory del tuo tenant. I guest vengono aggiunti ad Azure Active Directory come utenti esterni, indicati dal suffisso “# EXT #”:

I nomi utente degli esterni hanno questo aspetto:

{UserName} _ {theirTenant} #EXT # @ {yourTenant}.

Come puoi vedere, la fonte dell’autorità è Azure Active Directory esterno.

Canali

Esiste una connessione tra i canali e la raccolta documenti in SharePoint. Per ogni canale standard creato, viene creata una cartella in quella raccolta documenti. I file condivisi in un canale vengono visualizzati nella cartella all’interno della raccolta documenti che riflette il canale.

Esperienza utente per utenti esterni

La condivisione delle informazioni in modo sicuro oltre i confini dell’organizzazione è molto richiesta. La collaborazione con gli ospiti avviene nel tenant a cui vengono invitati. Ciò significa che devono passare a quel tenant per vedere i nuovi messaggi.  Ciò significa anche che non hanno effettuato l’accesso al proprio ambiente.

Questo è un grande ostacolo per la collaborazione poiché gli ospiti non ottengono l’esperienza utente completa come i membri. Ciò porta a complicate soluzioni alternative come la menzione @ del canale per applicare una notifica.

In alcuni casi, le persone iniziano di nuovo a usare la posta elettronica per affermare che una conversazione ha luogo in Teams. Alla fine, queste soluzioni creeranno un’esperienza utente meno soddisfacente.

Soluzioni alternative

Come ospite, puoi utilizzare questa pratica:

  • Crea diversi profili nel browser di tua scelta e quindi installa anche questo sito Web come app.
  • Installa il sito Web come app in Microsoft Edge

La versione Web di Teams non offre funzionalità complete e la collaborazione non è così semplice.

Mentalmente, cambiare contesto può essere estenuante: costringe ad avere più finestre aperte, il che è un fattore di distrazione per molti.

Teams Connect

Per risolvere questo problema, Microsoft ha introdotto Microsoft Teams Connect.

Teams Connect utilizza i cosiddetti canali condivisi. I canali condivisi vengono visualizzati nel nostro tenant come qualsiasi altro canale standard.

Come creare un canale condiviso

Creare un canale condiviso è facile. Facendo clic sull’icona con i puntini di sospensione accanto al nome del team in cui desideri che questo canale risieda, seleziona Aggiungi un canale.

Ora aggiungi un nome e, in Privacy, seleziona il canale condiviso.

Aggiungi persone all’interno o all’esterno della tua organizzazione.

Ciò migliorerà l’esperienza dell’utente poiché non devono più cambiare tenant. Possono rimanere all’interno del contesto in cui di solito lavorano. I canali condivisi vengono visualizzati nel loro ambiente di lavoro abituale, rendendo la collaborazione facile e fluida.

Qual è la differenza tra un canale condiviso e un canale privato?

Microsoft ha introdotto i canali privati ​​a Ignite 2019. Nei canali privati, solo un sottoinsieme di proprietari, membri e ospiti di un team può accedere alle informazioni. Se qualcuno non è già nel team, non puoi aggiungerlo a un canale privato.

Un canale privato è come una cassaforte all’interno di una stanza. Devi essere già nella stanza e avere la chiave di quella cassaforte per poterla aprire.

I file condivisi nei canali privati ​​non verranno visualizzati nel sito di SharePoint del team. I file vengono salvati in un altro sito di SharePoint che non appartiene al gruppo Microsoft 365. I membri esterni di un canale condiviso non sono ospiti del team. I nomi visualizzati in Teams non ricevono un suffisso (Guest), ma un suffisso (Esterno). I canali condivisi ottengono un’icona speciale. In questo modo, tutti sono consapevoli che questi canali sono condivisi con persone diverse.

In che modo questo cambierà il modo in cui lavoriamo in Teams?

L’aggiunta di canali condivisi a un team garantisce che possiamo mantenere la struttura esistente. Possiamo espandere la nostra esperienza di collaborazione interna ai nostri partner esterni. Questo facilita anche l’architettura dei nostri team. Creeremo meno team e meno canali privati.

Le persone passeranno meno tempo a essere combattute tra canali e tenant e la collaborazione diventa di nuovo collaborazione (piuttosto che amministrazione).

Come ottenere Teams Connect

Attualmente, questa funzione è in anteprima privata e verrà implementata più tardi nel 2021.

Conclusione

Teams Connect e i canali condivisi rappresenteranno un punto di svolta per le aziende che collaborano frequentemente con utenti al di fuori della propria organizzazione.

Prima di Teams Connect, le persone dovevano trovare soluzioni alternative. Hanno riorganizzato i team, ripristinato la posta elettronica o provato a collaborare nelle chat.

Con i canali condivisi, le persone possono rimanere nel flusso del loro lavoro.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: https://dispatch.m.io/teams-connect/