Author Archives: walk2talk

Microsoft Forms Pro è ora in general availability

Microsoft Forms Pro ora in general availability: cattura ed analizza i feedback dei clienti

Prestare ascolto e rispondere ai feedback dei clienti è una delle componenti fondamentali delle attività di business.
Da inizio Luglio, grazie alla general availability di Microsoft Forms Pro, chiunque in azienda potrà raccogliere i feedback di clienti e dipendenti ed agire sulla base dei risultati raccolti.

Microsoft Forms Pro è una soluzione per le survey di tipo enterprise di semplice utilizzo che si integra perfettamente con Office 365, Dynamics 365 e la Power Platform.
È basato su Microsoft Forms for Office 365 a cui sono state aggiunte nuove ed avanzate funzionalità di survey per supportare le soluzioni per la creazione di sondaggi, includendo una semplicità di tipo point-and-click per creare ed inviare survey personalizzate, integrazione con i vostri processi di business e funzionalità di AI assistita che forniscono un livello di risultato approfondito su dati commerciali e di comportamento.

Vi sono tre aree principali su cui Microsoft si è concentrata che includono le seguenti attività:

Costruire, inviare ed analizzare le survey in modo semplice
Ora potete creare survey professionali, indipendentemente dalle vostre competenze. Con Forms Pro, gli utenti possono creare e gestire in maniera veloce survey dall’aspetto professionale grazie a suggerimenti di tipo AI-assisted e ad un’interfaccia dal design intuitivo. Potete personalizzare le survey facendo leva sulle domande suggerite con una logica di ramificazione e tradurla in molteplici lingue.

Microsoft Forms Pro ora in general availability: cattura ed analizza i feedback dei clienti

Integrate perfettamente le survey con le vostre business application
Potete integrare le survey con i vostri workflow di business all’interno di Office 365, Dynamics 365 e la Power Platform.
Con Dynamics 365, potete personalizzare le survey con dati esistenti ed incorporarle all’interno di Microsoft PowerApps, mentre automatizzate i sondaggi con Microsoft Flow inviando sondaggi puntuali basati su eventi quali, ad esempio, la risoluzione di una problematica di un cliente.

Microsoft Forms Pro ora in general availability: cattura ed analizza i feedback dei clienti

Impara da clienti e dipendenti con risultati data-driven
Intraprendete azioni con report ricchi che includono sentiment analysis e il rilevamento di parole chiave.
I dati della survey sono integrati con la piattaforma di Common Data Services (CDS) per fornire un set di dati più robusto mettendo assieme i dati di survey con le operazioni commerciali per una visione olistica della customer journey.
Forms Pro si integra con Power BI: questo significa che potete creare dashboard e report personalizzati ed ottenere informazioni utili.

Microsoft Forms Pro ora in general availability: cattura ed analizza i feedback dei clienti

Come iniziare
Microsoft Forms Pro è incluso all’interno della licenza Dynamics 365 Enterprise e vi fornisce fino a 2000 risposte a survey al mese per tenant con possibilità di effettuare acquisti aggiuntivi. Forms Pro è disponibile anche per gli utenti che non hanno Dynamics 365 Enterprise ed utenti appartenenti a tenant Office 365.

Utilizzate Voice of the Customer (VOC)?
Con il rilascio di Forms Pro, Voice of the Customer (VOC) sarà deprecato all’interno di Dynamics 365.
Pian piano, Forms Pro fornirà un’integrazione senza interruzioni per le survey all’interno delle Microsoft Business Applications, inclusi Dynamics 365 e Office 365.

Gli attuali clienti di Dynamics 365 con diritti di VOC manterranno la possibilità di creare e distribuire nuove survey e raccogliere risposte per 12 mesi, fino al 1 Luglio 2020.

Per saperne di più:
Community Site;
UserVoice;
Opzioni di acquisto;
Microsoft Forms Pro.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: Capture and analyze feedback with Microsoft Forms Pro, now generally available.

OneDrive Personal Vault: sicurezza aggiuntiva ai vostri file più importanti ed ulteriori opzioni di storage

Con minacce online sempre più diffuse e sofisticate, non è mai stato così importante avere la giusta protezione e gli strumenti appropriati per garantire la sicurezza dei vostri dispositivi, delle informazioni personali e prevenire che i file vengano compromessi.
Per tutti questi motivi, oggi vi annunciamo OneDrive Personal Vault: un nuovo livello di sicurezza in arrivo sui vostri account personali OneDrive che garantisce una protezione aggiuntiva a tutti i vostri file più importanti e sensibili.

Microsoft sta anche aumentando lo storage dei piani standalone di OneDrive da 50 GB to 100 GB a titolo gratuito mentre fornisce agli utenti di Office 365 una nuova opzione per aggiungere spazio di storage nel caso in cui ne avessero bisogno.

OneDrive Personal Vault
OneDrive è in esecuzione sul cloud di Microsoft che, da sempre, adotta diverse misure di sicurezza per mantenere al sicuro i vostri file.
Molti utenti, però, richiedevano ulteriore protezione per i loro file più importanti e sensibili ed è per questo che Microsoft ha introdotto Personal Vault.

Si tratta di un’area protetta all’interno di OneDrive a cui potrete accedere solo tramite un metodo di autenticazione sicuro o un secondo elemento di identificazione quale l’impronta, il viso, il PIN o un codice inviato tramite mail o SMS. I vostri file bloccati all’interno di Personal Vault sono protetti da un ulteriore livello di sicurezza per far sì che siano ancora più al sicuro nel caso in cui qualcuno ottenga l’accesso al vostro account o al vostro dispositivo.

In questo caso, una sicurezza aggiuntiva non si traduce in seccature aggiuntive. Tutti i vostri documenti, foto e video all’interno di Personal Vault, saranno facilmente accessibili da Onedrive.com, dal vostro PC o dispositivi supportati.

OneDrive Personal Vault: sicurezza aggiuntiva ai vostri file più importanti ed ulteriori opzioni di storage

Protezione extra
Personal Vault utilizza molto più di una verifica a due fattori per mantenere i vostri file privati e al sicuro.
Su Windows 10, Microsoft sfrutta la crittografia di BitLocker per proteggere la quota del disco fisso in cui sincronizzate i file provenienti dal Personal Vault.
Effettuando l’accesso al Personal Vault mediante browser su un PC non riconosciuto dal servizio, nessun file sarà salvato all’interno della cache.
Per una protezione aggiuntiva sui dispositivi mobili, vi raccomandiamo di abilitare l’encryption sui vostri device iOS e Android. Tutte assieme, queste misure vi aiutano a mantenere i vostri file protetti anche nel caso in cui perdiate il pc Windows 10 o vi venga rubato un device mobile.

Blocco automatico per inattività
Personal Vault si blocca automaticamente sul vostro PC, dispositivo o online dopo un breve periodo di inattività.
Una volta bloccato, qualsiasi file stiate usando verrà anch’esso bloccato e richiederà l’autenticazione per il nuovo accesso.
Non dovrete preoccuparvi se avete lasciato i vostri file o Personal Vault aperti perchè si chiuderanno e bloccheranno automaticamente a seguito di un periodo di inattività.

OneDrive Personal Vault: sicurezza aggiuntiva ai vostri file più importanti ed ulteriori opzioni di storage

Presto disponibile
Microsoft inizierà presto la distribuzione di Personal Vault in Australia, Nuova Zelanda e Canada: la funzionalità sarà resa disponibile a tutti entro la fine dell’anno.

Se avete già OneDrive, Personal Vault vi apparirà come feature update quando verrà rilasciato nella vostra regione nel corso dell’anno.
Se invece non siete ancora utenti OneDrive, potete scaricare la app o recarvi su onedrive.live.com ed iniziare ad utilizzarlo sul web o dal vostro PC. Se state utilizzando OneDrive gratuito o il piano standalone con 100 GB, potete testare Personal Vault su un limitato numero di file.
Gli utenti Office 365 possono archiviare quanti file vogliono in Personal Vault, compatibilmente con i loro limiti di storage.

OneDrive ottiene storage aggiuntivo
Oggi vi annunciamo inoltre due aggiornamenti ai piani di storage.

Archiviate di più con il piano OneDrive 100 GB – Microsoft sta ampliando la quantità di spazio all’interno del piano standalone di OneDrive da 50 a 100 100 GB4, mantenendo il prezzo invariato. È uno spazio sufficiente per archiviare oltre 50.000 foto. La nuova licenza, è perfetta per effettuare il backup automatico della galleria del vostro telefono, per scannerizzare e salvare i documenti, ricevute e molto altro direttamente dal vostro telefono. Potete utilizzarlo anche per effettuare il back-up dei file, condividere e collaborare sui documenti. Il nuovo piano sarà distribuito presto. Se state già utilizzando il piano 50 GB, il vostro account otterrà automaticamente 50 GB di storage aggiuntivo.
Per maggiori informazioni: OneDrive plans.

Ottenete storage di OneDrive aggiuntivo – le sottoscrizioni di Office 365 vengono fornite con 1TB di storage OneDrive e molti utenti richiedevano maggiore spazio.
Oggi, vi annunciamo uno spazio di archiviazione aggiuntivo su OneDrive che vi permette di aggiungere storage alla vostra esistente sottoscrizione di Office 365. È possibile aggiungere ulteriore spazio di archiviazione in blocchi da 200 GB a partire da $ 1,99 al mese. Potete invece acquistare 1 TB di spazio di archiviazione aggiuntivo a $ 9,99 al mese.

Se avete bisogno di 2 TB di storage, abbiamo un’opzione anche per voi: pagate soltanto per quello di cui avete bisogno e aumentate, diminuite o cancellate i vostri piani di storage aggiuntivo in qualsiasi momento.
OneDrive additional storage sarà disponibile nei prossimi mesi.

OneDrive Personal Vault: sicurezza aggiuntiva ai vostri file più importanti ed ulteriori opzioni di storage

Feedback
Per rilasciare i vostri feedback e le vostre idee, vi invitiamo a visitare la pagina OneDrive UserVoice.


Le informazioni presenti in questo blog, sono prese dall’articolo: OneDrive Personal Vault brings added security to your most important files and OneDrive gets additional storage options.

Introdotta la PowerApp che porta i Common Data Service in Outlook

Siamo felici di annunciarvi la general availability di App for Outlook, la model-driven app che estende l’esperienza dei Common Data Service ad Outlook.

PowerApps è la piattaforma per la creazione rapida di app e l’automazione dei processi di business.
Per far sì che gli utenti siano il più produttivi possibile con queste app, è fondamentale il contesto in cui le utenti le scoprono ed utilizzano.
Outlook rappresenta il punto in cui iniziano e vengono coltivate le interazioni con i clienti. Gli utenti con licenza PowerApps Plan 2 possono ora estendere le interazioni in Outlook grazie a PowerApps.

Catturare tutte le comunicazioni dei clienti
Tenete tracce delle vostre mail ed appuntamenti in Outlook e associateli al record corrispondente all’interno dei Common Data Service.

Email ed appuntamenti sono mantenuti sincronizzati e disponibili all’interno dell’Activity Timeline per una visuale completa della cronologia delle comunicazioni collegate ad un record.

Creare e visualizzare i record senza lasciare Outlook
Create velocemente nuovi record all’interno del familiare contesto di email ed appuntamenti.

Trovate le informazioni a fianco delle vostre cartelle di Outlook.
Trovare ed aggiornare le informazioni sarà facile e veloce: tutto dalla stessa interfaccia.

Mantenete i contatti sincronizzati
Sincronizzate i contatti e le informazioni collegate di modo che Exchange ed i Common Data Service siano sempre aggiornati all’ultima versione.

Configurate delle regole che definiscano i filtri di sincronizzazione per selezionare i record che devono essere sincronizzati, inclusa l’opzione per la sincronizzazione bi-direzionale.

Accesso da qualsiasi device
Portate App for Outlook con voi su qualsiasi dispositivo, che sia desktop o mobile.

Outlook Desktop, Outlook Mobile, Outlook Web Access e Outlook for Mac supportano tutti il design responsive Unified Interface per fornirvi un’esperienza coerente.

Installare App for Outlook
1. In qualità di amministratore, potete acquisire la soluzione App for Outlook dal Microsoft AppSource, cliccando su GET IT NOW.
2. Seguite gli step per loggarvi e scegliere l’ambiente su cui installarla.
3. Leggete la documentazione per implementare App for Outlook agli utenti.

Per rilasciare i vostri feedback e rimanere aggiornati sulle novità, visitate la PowerApps Community.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: Introducing the PowerApp that brings Common Data Service into Outlook.

Il nuovo ruolo di Visualizzatore per Power BI

Siamo felici di annunciarvi che Microsoft ha distribuito il nuovo ruolo di Visualizzatore per la nuova esperienza workspace, perfetta se volete fornire agli utenti la possibilità di visualizzare contenuto all’interno degli spazi di lavoro di Power BI ma non di agirvi e modificarlo.

Il ruolo di Viewer fornisce agli utenti un’esperienza di sola lettura.
Quelli a cui viene assegnato, possono visualizzare dashboard, report o workbooks all’interno delle aree di lavoro ma non possono navigare a dataset e dataflow.
Utilizzate il ruolo di visualizzatore allo stesso modo in cui, in precedenza, utilizzavate uno spazio di lavoro classico impostato su “Members can only view Power BI content”.

Per farlo, avete bisogno di una licenza Power BI Pro o che il contenuto sia all’interno di Power BI Premium.
Se il vostro spazio di lavoro si trova in Power BI Premium, tutti gli utenti potranno visualizzare l’area di lavoro nel relativo elenco, accedervi e visualizzare il contenuto senza ricevere un prompt Pro Trial.

Il ruolo di visualizzatore ha diversi benefici:
– È più semplice navigare in Power BI per gli utenti con accesso di sola lettura.
– Aiuta i team più piccoli che vogliono permettere agli stakeholder di avere accesso in sola lettura agli spazi di lavoro.
– Qualsiasi row-level security (RLS) avete definito sui dataset all’interno degli workspace di Power BI viene applicato agli utenti che hanno il solo ruolo visualizzatore.
– Potete interrompere l’utilizzo dei classici workspace basati sui Gruppi Office 365 se avete bisogno che i Membri visualizzino solo le opzioni di contenuto di Power BI, conosciute come “read-only workspaces”.

Quando assegnate l’accesso in uno spazio di lavoro di tipo new workspace experience, vedrete il nuovo ruolo di Viewer fra le opzioni.

Annunciato il nuovo ruolo di Visualizzatore per Power BI
Qui sopra lo screenshot del pannello di accesso della nuova esperienza workspace di Power BI che mostra il ruolo di Viewer assegnato ai security group.

Gli utenti con il ruolo di Visualizzatore, come abbiamo detto, non possono apportare modifiche al contenuto, nè navigare verso i dataset e dataflow.
Questo comportamento combacia con l’esperienza che gli utenti hanno in un classico workspace quando sono impostati su “Members can only view Power BI content”.

Annunciato il nuovo ruolo di Visualizzatore per Power BI
Lo screenshot qui sopra mostra l’esperienza di content list per gli utenti con il ruolo di visualizzatore.

Un’importante differenza relativa al ruolo Viewer è come viene applicato il licensing.
Se lo spazio di lavoro si trova all’interno di una capacità Power BI Premium, allora gli utenti con ruolo Viewer che non hanno una licenza Pro potranno navigare direttamente all’interno dello spazio di lavoro e visualizzare il contenuto.

Se lo spazio di lavoro non si trova all’interno di Power BI Premium o se l’utente senza una licenza Pro ha un ruolo con privilegi più alti come Admin, Member o Contributor, continuerà ad apparirgli la finestra di dialogo Upgrade to Power BI Pro.

Annunciato il nuovo ruolo di Visualizzatore per Power BI

Abbiamo detto che il ruolo Visualizzatore garantisce i soli permessi di lettura per gli oggetti all’interno degli spazi di lavoro.
Come specificato, questo significa che i Row-Level-Security che avete impostato sui dataset all’interno degli spazi di lavoro si applicano agli utenti che hanno solo il ruolo Viewer. Se volete permettere a questi utenti l’utilizzo delle funzionalità di Analyze in Excel o di esportazione dati, dovete fornire loro i Build permission sui dataset di riferimento.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: Announcing the New Viewer Role for Power BI Workspaces.

Vi presentiamo Meeting Migration Service che converte i meeting da Skype for Business a Teams

Meeting Migration Service (MMS) è un servizio automatico all’interno di Office 365 che, in precedenza, era in grado di trovare i meeting di Skype for Business Server e convertirli automaticamente in meeting Skype for Business Online quando un utente veniva migrato da SfBS a SfBO. Poteva anche aggiungere dettagli PSTN Audio Conferencing se il servizio veniva aggiunto o modificato.

Ora, lo stesso servizio sarà in grado di effettuare una scansione dei calendari degli utenti di Exchange Online e traslare i loro meeting SfB in meeting di Microsoft Teams.

La funzionalità è stata distribuita a Maggio e funziona per i seguenti scenari:
quando un utente viene migrato da on-premises al cloud (sia a Skype for Business Online che a TeamsOnly);
quando un amministratore apporta una modifica alle impostazioni di audio-conferenza dell’utente;
quando ad un utente online viene fatto l’ugrade a Teams oppure quando la modalità dell’utente in TeamsUpgradePolicy è impostata su SfBwithTeamsCollabAndMeetings;
quando utilizzate un cmdlet PowerShell.

Vi presentiamo Meeting Migration Service: converte i meeting da Skype for Business a Teams

Dal momento in cui MMS viene innescato, ci vogliono solitamente 2 ore prima che i meeting dell’utente vengano migrati.
In ogni caso, se l’utente ha un numero significativo di meeting, potrebbe volerci più tempo.

Se avete uno script PowerShell che assegna il comando TeamsUpgradePolicy e NON volete che i meeting vengano migrati a Teams, aggiornate gli script di modo che passino anche il nuovo parametro MigrateMeetingsToTeams $false.
Per i dettagli: Grant-CsTeamsUpgradePolicy.

Oltre alle migrazioni automatiche dei meeting, gli amministratori possono innescare manualmente la migrazione del meeting di un utente, eseguendo il comando
Start-CsExMeetingMigration. Questo cmdlet, mette in coda una richiesta di migrazione per l’utente specificato.
Il nuovo parametro TargetMeetingType (attualmente limitato ai partecipanti al programma Technology Adoption Program) vi permette di specificare come debba essere migrato il meeting:
– Utilizzando TargetMeetingType Current specificate che i meeting Skype for Business debbano rimanere meeting Skype for Business mentre i Teams meeting debbano rimanere Teams meeting. Le coordinate di audio conferencing, invece, possono essere cambiate e qualsiasi meeting on-premises Skype for Business migrato a Skype for Business Online.
– Utilizzando TargetMeetingType Teams specificate che qualsiasi meeting esistente debba essere migrato a Teams, indipendentemente dal fatto che il meeting sia ospitato in Skype for Business online o on-premises e indipendentemente dal fatto che siano richiesti aggiornamenti all’audio conferencing.


Le informazioni presenti a questo post, sono prese dall’articolo: Meeting Migration Service converts Skype for Business meetings to Microsoft Teams meetings.