Category Archives: Cisco Meraki

Meraki introduce MV32 e le funzionalità Motion Search 2.0 e Motion Recap

Una nuova camera fisheye e nuove funzionalità vi permettono di trovare quello di cui avete bisogno.
Lo scorso Novembre, Meraki ha annunciato due nuovi membri della famiglia MV Smart Camera: MV22 e MV72.
Noi ne abbiamo parlato nel nostro post: vi presentiamo MV22, MV72, e MV SENSE.
Queste camere varifocali, disponibili sia nel modello per interno che per esterno, sono costruite sulla stessa piattaforma dell’innovativa MV12 e rimpiazzano quelle di prima generazione MV21 ed MV71.
Oggi siamo felici di introdurre un form factor completamente nuovo con la MV32 fisheye camera. Sarà disponibile anche un nuovo montaggio telescopico a sospensione, compatibile con le camere MV32 E MV12.
Assieme al nuovo hardware, Meraki sta anche rilasciando nuove funzionalità: Motion Search 2.0 e Motion Recap, disponibili per tutte le camere di seconda generazione (modelli che finiscono per 2).

Meraki introduce MV32 e le funzonalità Motion Search 2.0 e Motion Recap

Vedere le cose da una nuova prospettiva
MV32 presenta la stessa innovativa architettura del resto della famiglia MV ed aggiunge una visuale a 360° per avere ancora visibilità dell’area interessata.
La camera registra e processa l’intera immagine deformata, mentre la dashboard Meraki permette una panoramica video immersiva e definitiva, con funzioni di inclinazione, rotazione e zoom sia live che su filmati registrati.

Meraki introduce MV32 e le funzionalità Motion Search 2.0 e Motion Recap
Aprite la GIF per vedere la MV32 in azione

A differenza delle classiche telecamere con inclinazione tradizionale, rotazione e zoom (PTZ) che registrano solo quello che stanno inquadrando in un dato momento, la MV32 archivia tutto quello che si trova nel suo campo visivo di modo che non venga persa alcuna informazione.
Questa sua caratteristica, è particolarmente utile per grandi open space o aree con androni che si intersecano e corridoi in cui è necessaria visibilità in molteplici direzioni.
La nuova MV32 ha un sensore 8.4MP e registra fino ad una risoluzione pari a 2058 x 2058. Presenta lo stesso processore all’avanguardia della linea di MV di seconda generazione, permettendo attività di advanced analytics con il rilevamento degli oggetti utilizzando computer vision e machine learning.
È dotata di 256GB di storage ed è wireless, rendendone più semplice l’installazione in diverse location.

Trova quello di cui hai bisogno più velocemente
Se non trovavate la MV32 abbastanza entusiasmante, sappiate che Meraki sta introducendo due nuove funzionalità software per tutti i modelli di camera MV di seconda generazione.
La prima funzionalità, Motion Search 2.0, porta con sè un nuovo e potente algoritmo di localizzazione che migliora la fedeltà dei piccoli cambiamenti, riduce i falsi positivi ed offre migliore sensibilità di notte e negli ambienti a basso contrasto.

Meraki introduce MV32 e le funzionalità Motion Search 2.0 e Motion Recap

Per rendere i risultati di Motion Search ancora più semplici da raccogliere, Meraki sta introducendo Motion Recap.
La tecnologia di Motion Recap utilizza le informazioni raccolte dalle motion analytics poste sulla camera, per produrre immagini composte che riassumono l’attività in un unico frame.
La dashboard mostrerà automaticamente i risultati della ricerca come immagini Motion Recap, semplificando la veloce identificazione di quanto state cercando.
Le immagini Motion Recap fungono da “cheat sheet” autentico che vi aiuta a comprendere cosa sia successo senza dover guardare il video.

Meraki introduce MV32 e le funzionalità Motion Search 2.0 e Motion Recap

Vedi di più, comprendi meglio
La nuova camera MV32 fisheye vi aiuta a completare la gamma di MV Smart Camera.
Combinata con Motion Search 2.0 e Motion Recap, la MV smart camera porta maggiore visibilità e business intelligence ad ogni tipo di azienda.

La nuova MV32 sarà ordinabile a partire da questo mese, Maggio 2019.
Motion Search 2.0 e Motion Recap saranno disponibili per tutte le camere MV di seconda generazione come software update, incluse gratuitamente in quanto parte della licenza.
Con questo set di entusiasmanti annunci, non vi resta che provare tutte le novità a vostra disposizione.
Raccontate le vostre esperienze e rilasciare i vostri feedback all’interno della Meraki Community.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo INTRODUCING MV32, MOTION SEARCH 2.0, AND MOTION RECAP.

MERAKI MV: i nuovissimi componenti delle planimetrie

Se sui vostri cantieri, siti o magazzini avete posizionato molte telecamere, conoscerete bene le sfide e le difficoltà che si riscontrano a doverne tenere traccia quotidianamente.

Anche se avete delle regole di denominazione restrittive e marcature definite, cercare di capire esattamente dove sia posizionata una particolare telecamera può essere molto frustrante.

Bene, non preoccupatevi più. La funzionalità Map & floor all’interno della dashboard Meraki è stata recentemente ampliata ad includere le telecamere Meraki MV.
Invece di chiedervi dove sia una telecamera, potete utilizzare gli indicatori MV sulle planimetrie per fare un mapping di tutte le telecamere, monitorarne lo status ed accedere allo stream video.

Posizionare le camere MV sulle vostre planimetrie
Se state già utilizzando le planimetrie nella dashboard, siete a buon punto.
Questo perchè, il processo di aggiunta di una telecamera ad una planimetria non è differente rispetto all’aggiunta di qualsiasi altro dispositivo.

Se non conoscete ancora le planimetrie, non preoccupatevi! Aggiungere planimetrie alla dashboard è molto semplice e risulta estremamente utile per qualsiasi network.

Prima di tutto, recatevi alla voce Network-wide > Map & floor plans e selezionate “Add a new floor plan”.
Vi verrà chiesto di dare un nome alla planimetria (ad esempio “1° piano”), inserire l’indirizzo dello stabilimento e caricare l’immagine della planimetria.

MERAKI MV: i nuovissimi componenti delle planimetrie

Una volta effettuati questi passaggi, l’immagine che avete caricato verrà sovrapposta a quella proveniente da Google Maps grazie all’indirizzo inserito. Potrete ruotare, ridimensionare e posizionare la vostra planimetria in modo che si allinei perfettamente alla mappa, come esemplificato nell’immagine seguente.
Una volta completato l’allineamento, cliccate la voce “Save floor plan and place devices”.

MERAKI MV: i nuovissimi componenti delle planimetrie

A questo punto, dovreste vedere le mappe aggiunte accanto ad una lista che mostra tutti i dispositivi Meraki della vostra rete.
Cliccate e trascinate per posizionare ogni camera (o altro dispositivo) sulla posizione esatta della vostra mappa.
Una volta completate le operazioni di posizionamento, cliccate su “Save device placements”. Ed è fatta!

Ora, con le telecamere piazzate sulla planimetria potete passare il puntatore del mouse sopra ad ogni icona di MV e visualizzare la finestra di dialogo che contiene nome e modello della videocamera. Cliccando invece sul nome della camera, verrete portati direttamente al video stream della telecamera stessa.

MERAKI MV: i nuovissimi componenti delle planimetrie

Il colore dell’icona, indicherà inoltre lo stato di ogni camera. In questo modo, potete velocemente localizzare e risolvere i disservizi di qualsiasi camera che abbia problemi.

State pensando di implementare le planimetrie per gestiste al meglio il vostro network?
Entrate a far parte della Community Meraki.

Ancora news da Meraki: vi presentiamo MV22, MV72, e MV SENSE

Grandi novità: smart camera di Meraki ancora più smart e nuove opzioni di archiviazione sul cloud.

Quando Cisco Meraki aveva introdotto le MV Security Cameras due anni fa, l’obiettivo era quello di creare un prodotto per un mercato che, da parecchi anni, non vedeva alcuna novità nè approccio innovativo nella risoluzione di problemi comuni. Le camere MV presentavano una nuova architettura che, sostanzialmente, rendeva le attività di installazione, gestione ed interazione con le telecamere di sicurezza molto più semplice, divertente e meno impegnativo in termini di risorse.

Un anno e mezzo dopo, entrano in gioco le MV12 che portano funzionalità di analisi avanzata a tutta la famiglia MV, inclusi computer vision potenziati dal machine learning – tutto senza che sia necessario alcun server o software aggiuntivo. Ma con l’arrivo delle capacità di analytics all’interno della dashboard emergono anche tutta una serie di richieste relative a funzionalità di analisi aggiuntiva.

La scorsa settimana, MV Sense entra a far parte della famiglia MV, quale strumento che aiuta gli utenti a creare soluzioni di business migliori e più intelligenti.
MV Sense è soltanto il primo componente di una vasta categoria di analytics chiamata
Meraki IQ, una potente classe di data processati in maniera intelligente e forniti semplicemente tramite API.

A dare manforte all’impegno di Meraki di abilitare i clienti ad utilizzare le telecamere come sensori, la lineup MV cresce ed include MV22 e MV72, telecamere varifocali da interno ed eterno che sfruttano lo stesso potente processore delle MV12.

Vediamo qualche dettaglio in più:

MV Sense
Gli strumenti di analytics integrati nella dashboard che trovate sulle smart camera MV – quali le mappe per il movimento del calore e il rilevamento di persone – possono fornire agli utenti un gran numero di informazioni di alto livello circa il traffico pedonale e gli schemi di comportamento. Ma i casi di utilizzo degli algoritmi di machine learning delle MV sono molto vasti e variegati e Meraki vuole che i suoi clienti siano in grado di sfruttarle al massimo a seconda di ciò che hanno bisogno di fare. Con MV Sense, si aprono per gli utenti, nuovi modi di interagire con i risultati e sfruttare i dati che provengono dal rilevamento delle persone emersi dalle camere MV12, MV22, e MV72.
Ogni licenza MV Sense permette agli utenti di accedere ai dati di rilevamento delle persone prodotti dalle telecamere (inclusi dati quali ubicazione, ora e conteggi) attraverso un set di API basate su RESTful e MQTT.

Ancora news da Meraki: vi presentiamo MV22, MV72, e MV SENSE

Questo significa che quelle che una volta erano considerate idee altamente improbabili o proibitive per via dei corsi, possono diventare realtà.

MV Sense crea, ad esempio, soluzioni in grado di:

  • Innescare la riproduzione di un media su un display all’interno di un negozio, se vi sono almeno 10 persone in un raggio limitato vicino allo schermo;
  • Comprendere i tempi di attesa all’interno dei negozi di alimentari di tutto il mondo;
  • Capire velocemente ed avvisare il personale d’emergenza se vi sono persone rimaste in un edificio durante un’evacuazione o durante una prova di antincendio;
  • Far scattare un allarme se il numero di persone vicine ad un macchinario pericoloso all’interno di una struttura produttiva scende al di sotto del minimo di sicurezza;
  • E molto molto di più.

E sapete qual è la cosa più emozionante? Che 10 licenze di MV Sense saranno incluse all’interno di ogni MV aziendale.

Maggiori dettagli a questo link: MV SENSE.

Nuovo hardware
Le capacità di advanced analytics sono ora disponibili per due modelli hardware – una coppia di camere varifocali per interni ed esterni – MV22 e MV72.
Le due camere sopracitate, non solo presentano lo stesso processore del MV12, ma anche molti benefits derivanti dall’hardware: registrazione audio, funzionalità wireless ed uno storage interno di 256 GB. A tutto questo, poi, si aggiunge un bonus di zoom ottico, che può essere configurato ed aggiustato semplicemente dalla dashboard Meraki.

Ancora news da Meraki: vi presentiamo MV22, MV72, e MV SENSE

La MV72 presenta poi una maggiore resistenza al tempo e agli impatti rispetto ai suoi antenati, IP67 e IK10+.
IK10+ aveva la più alta resistenza agli impatti: questo significa che, ora, queste nuove funzionalità di advanced analytics, possono essere implementate dovunque e in qualsiasi momento.

Per saperne di più: MV Cloud Managed Smart Cameras.

Bonus: archiviazione sul cloud per le MV
L’architettura di tipo edge-storage delle MV smart cameras è stato creato appositamente e volutamente per rispondere alle esigenze dei clienti Meraki.
Questo significa costruire un prodotto che possa soddisfare tutti quei clienti che hanno vere e proprie limitazioni e restrizioni di larghezza di banda.
A volte, comunque, capita che, per determinate telecamere, sia necessario scaricare il loro storage o fare un backup dei dati. Ed è qui che lo strumento di archiviazione cloud per MV entra in gioco.

Cloud archive presenta opzioni di storage di 90 e 180 giorni e può essere abilitato diversamente a seconda della telecamera, permettendo la creazione di soluzioni di storage personalizzate per qualsiasi azienda. Questo significa che solo le telecamere con contenuto ritenuto importante faranno il back up dei loro video sul cloud e le problematiche legate alla larghezza di banda non verranno aggravate. Oltre alla copia sul cloud, le telecamere continueranno a mantenere i filmati localmente, creando ridondanza e qualche preoccupazione in meno alle aziende.

Per saperne di più, leggete la documentazione ufficiale: Cloud Archive.

Rilasciate i vostri feedback!
Meraki continua a rilasciare una serie di nuovi prodotti e non vede l’ora di sapere come verranno usati.
Potete raccontare i vostri use case e come pensate di utilizzare MV Sense, MV22, MV72, e lo strumento di archiviazione sul cloud, all’interno della Meraki Community.

Universal Maps: ora potete vedere tutti i vostri dispositivi Meraki da un’unica visualizzazione

La maggior parte dei team IT conosce bene l’articolato processo necessario ad implementare una rete wireless veloce.
Le reti wireless sono progettate utilizzando soluzioni software specifici di design. Una volta completato il design, le ubicazioni degli access point (APs) all’interno di un impianto, sono ultimate e vengono fornite agli installatori attraverso un disegno CAD dettagliato.

Solitamente, se un team IT ha bisogno di sapere dove si trovi ogni AP post-installazione, deve fare riferimento allo specifico documento o file AutoCAD.
Cisco Meraki ha reso la vita più semplice a tutti grazie a Maps and Floor Plans, che hanno permesso agli amministratori IT di mappare e localizzare gli Access Point Meraki su una pianta.

Oggi, siamo felici di annunciarvi Maps and Floor Plans 2.0 che permette ai team IT di localizzare tutti i prodotti hardware Meraki – non solo gli AP – su una planimetria. Con questa nuova funzionalità, gli amministratori IT possono avvalersi di una miriade di fantastiche funzionalità:

Network-wide floor plans: potete accedere alle Mappe e alle Planimetrie da un menù a livello di rete. Questo vi permette di visualizzare i device Meraki MR, MS, MX, e MV dovunque e navigare facilmente fra tutti i piani della localizzazione di rete.

Universal Maps: ora puoi vedere tutti i dispositivi Meraki da un'unica visualizzazione

Client Location: una volta che gli AP sono mappati sulle planimetrie, l’ubicazione dei dispositivi client viene automaticamente inserita nella pagina del client utilizzando la funzionalità Location Analytics creata all’interno degli access point Meraki.
I clienti possono utilizzare queste informazioni per identificare semplicemente l’ubicazione di un dispositivo senza che sia necessario avere alcuna informazione specifica dall’utente. Un esempio molto comune è quello di posizionare dispositivi all’interno di una struttura.

Universal Maps: ora puoi vedere tutti i dispositivi Meraki da un'unica visualizzazione

Location Heatmap: questa funzionalità è stata utilizzata per analizzare i trend di “traffico pedonale” all’interno di una determinata struttura.
Risulta molto utile, ad esempio, nei punti vendita, per capire dove i clienti passino la maggior parte del tempo all’interno del negozio. Per attività diverse, invece, sapere quali sono le aree con il più alto passaggio di persone, può aiutare ad identificare possibili problematiche relative alla potenza del segnale wireless.

Universal Maps: ora puoi vedere tutti i dispositivi Meraki da un'unica visualizzazione

Radio Settings: per valutare problematiche di performance su una rete wireless, gli amministratori della rete possono dare un primo sguardo allo spettro wireless ed assicurarsi che non vi siano interferenze da AP vicini. Per verificare interferenze tra canali, potrebbero controllare la distribuzione dei canali per gli access point. Utilizzando il componente mappa disponibile nelle impostazioni Radio, i clienti possono facilmente controllare la distribuzione dei canali ed identificare qualsiasi potenziale problematica di interferenza con altri canali.

Universal Maps: ora puoi vedere tutti i dispositivi Meraki da un'unica visualizzazione

Ora che avete la possibilità di mappare tutti i vostri dispositivi in un’unica visualizzazione, non dovrete più fare avanti e indietro tra le dashboard Meraki ed i documenti di design/CAD per localizzare gli AP. Inoltre, i clienti potranno recarsi su una pagina per uno specifico dispositivo direttamente dalla mappa, senza doversi mettere alla ricerca del singolo dispositivo all’interno della dashboard.

Utilizzando le nuove funzionalità, i vostri clienti potranno:

  • Utilizzare la feature topologica per identificare una problematica con un dispositivo specifico all’interno della rete ed utilizzare la mappatura per identificare l’ubicazione del dispositivo all’interno di una struttura;
  • Spostarsi velocemente e semplicemente tra i vari device all’interno della rete senza dover iniziare dall’AP quando si verificano problematiche di troubleshooting;
  • Localizzare velocemente i dispositivi all’interno di una struttura in caso di intrusioni ed effettuare tutte le modifiche necessarie;
  • Utilizzare AP a seconda dell’ubicazione con una maggiore precisione.

Per provare tutte queste nuove funzionalità, entrate nella dashboard Meraki e recatevi alla pagina Network-wide > Monitor > Maps & Floor Plans oppure seguite la documentazione ufficiale disponibile a questo link: Using a Floor Plan or Custom Map in Dashboard.

Con Meraki è più veloce identificare VLAN asimmetriche

Le complicazioni derivanti da un troubleshooting del network possono causare processi estremamente lunghi e complicati.
I problemi come VLAN incompatibili sono difficili da tracciare tra la montagna di configurazioni necessarie ad avere una network operativa.

I mismatch di questo tipo, accadono quando le due estremità di un link sono mal-configurate a differenti VLAN.
Questo può succedere su link di accesso o connessioni. Un disallineamento su un cavo che trasporta traffico principale, necessario per mantenere la rete in funzione – la VLAN Nativa o di gestione – causa ulteriori mal di testa a chi si occupa di gestirli e preoccupazioni relative alla sicurezza.

Con Meraki è più veloce identificare VLAN asimmetriche

Nell’immagine qui sopra viene rappresentata una configurazione VLAN nativa in cui il traffico principale scorre non etichettato tra le porte dello switch.
L’immagine seguente, invece, rappresenta un mismatch della VLAN.

Con Meraki è più veloce identificare VLAN asimmetriche

Quando la porta dello switch, posta sullo Switch 2, viene configurata in maniera scorretta verso la VLAN 20, il traffico principale continuerà a fluire tra gli Switch 1 e 2, ma qualsiasi traffico in rientro sullo Switch 1 sarà trattato come una VLAN 20.
Questo scenario di mismatch potrebbe avere come conseguenza il drop del traffico o creare preoccupazioni e problemi di sicurezza se la VLAN 20 ha accesso a dati confidenziali non normalmente accessibili al VLAN 2 e se i dati arrivano al dispositivo finale.

Meraki utilizza due metodi per rilevare un VLAN mismatches.
Il primo, consiste nell’identificare se il collegamento sia configurato con il medesimo tipo o numero di VLAN per ogni porta dello switch sul collegamento.
Il secondo, osserva se il collegamento è configurato in maniera analoga come un accesso o un collegamento (per VLAN multiple) su entrambi i lati di uno switch.
Per aiutare gli utenti ad individuare il problema, Meraki ha implementato VLAN mismatch detection che notifica gli utenti ogni qualvolta viene identificato un errore.

Con Meraki è più veloce identificare VLAN asimmetriche

La dashboard ora indica quando si verifica un VLAN mismatch su una determinata porta oltre a dire esattamente qual è la causa del mismatch.

Con Meraki è più veloce identificare VLAN asimmetriche

Con la notifica, gli utenti possono immediatamente diagnosticare potenziali problematiche ed isolare velocemente le porte che devono essere correttamente configurate.

Per avere ulteriori informazioni su come Meraki gestisce i VLAN mismatches, visitate la pagina VLAN Mismatch Alerts for Meraki Switches.
A questo link, invece, trovate i prossimi webinar Cisco Meraki in programmazione.