Category Archives: Microsoft Teams

Restore dei file per SharePoint e Teams

La perdita di dati non è negoziabile. Punto.
Mentre l’innovazione del cloud porta alle aziende dei benefici in termini di valore di business, inevitabilmente obbliga lo sviluppo di nuove capacità per i professionisti IT e site admin che lavorano incessantemente per supportare, configurare, amministrare e mettere al sicuro i contenuti delle loro aziende e del loro team. Ed è importante che le aziende abbiano gli strumenti necessari ad effettuare il recovery da cancellazioni accidentali o problemi di versioning alla velocità di cui il business ha bisogno.

Lo scorso mese è iniziato il roll-out della funzionalità Files Restore for SharePoint and Microsoft Teams – una nuova funzionalità di Microsoft 365.
Si tratta di un passaggio associato alla Roadmap di Microsoft 365: ID 33714 annunciato per la prima volta al Microsoft Ignite 2018.

Restore dei file per SharePoint eTeams
Se qualcosa non va per il verso giusto, potete ripristinare una SharePoint document library (lo stesso meccanismo di storage che sta dietro alla tab Files in Microsoft Teams) ad un momento precedente. Selezionate una data predefinita o usate il cursore per trovare una data. A questo punto selezionate la versione a cui volete tornare.

Microsoft ha creato Microsoft 365 su scala mondiale, con un’affidabilità eccezionale ed il supporto per la compliance tra industrie e geolocalizzazioni sul meglio della sicurezza intelligente che mantiene servizi e contenuti protetti e privati. Ha fornito ai clienti un controllo dinamico e dettagliato di modo che possano gestire accessi, distribuzioni e recovery a contenuto ed informazioni sensibili.

Vediamone ora i dettagli.

Ripristinate i vostri file in sicurezza da SharePoint e Microsoft Teams
Il files restore for SharePoint and Microsoft Teams è una soluzione di recovery completa e di tipo self-service che permette ad amministratori e site owner di ripristinare i file alla versione di un dato momento entro un lasso di tempo di 30 giorni.
I site owners vedranno una nuova opzione “Restore this library” all’interno del pannello delle impostazioni della library.
Può essere utilizzato come una soluzione self service di ripristino di file e cartelle nella library che sospettate sia stata compromessa da eliminazioni di utenti finali, corruzioni o infezioni di malware.

Vi basta recarvi nell’icona dell’ingranaggio che trovate in alto a destra, selezionare la voce Restore this library, scegliere un intervallo di tempo, selezionare i vostri file e cliccare su Restore.

Restore dei file per SharePoint eTeams

Se vengono eliminati, sovrascritti, corrotti o infettati da malware molti file di SharePoint o Teams, potete ripristinare l’intera document library ad una data precedente.
Il file restore aiuta gli utenti Office 365 ad annullare tutte le azioni che si sono verificate su file o cartelle negli ultimi 30 giorni.

La funzionalità di files Restore è ora disponibile per le document library di SharePoint e protegge i vostri file di SharePoint, Teams, gruppi di Outlook e gruppi di Yammer connessi ai gruppi di Office 365 ed utilizza le medesime funzionalità di recovery che proteggono i vostri file personali su OneDrive for Business.

Note per gli IT: i file delle interfacce utente di SharePoint and Teams, sono archiviati nel medesimo storage container (SharePoint document libraries), avrete quindi la stessa esperienza e funzionalità su tutto il mondo Microsoft 365.

FAQ
Quando verrà distribuita la funzionalità all’interno di Office 365?

Il files restore for SharePoint è iniziato ai clienti in Targeted Release di Office 365.
L’obiettivo di Microsoft è di rilasciare la feature a tutti i clienti di Office 365 a partire dalla fine di Maggio.


Le informazioni presenti a questo post, sono prese dall’articolo: Files restore for SharePoint and Microsoft Teams.

Microsoft Teams: i membri di un team privato possono invitare altri utenti a parteciparvi

Aggiungere facilmente nuovi membri ad un Team
Teams è un mezzo di comunicazione aperta: per questo, esistono canali di team che coinvolgono l’intera azienda.
In caso di team pubblici, chiunque può entrare a far parte di un team aggiungendo se stesso al gruppo.
In caso di team privati, gli utenti possono effettuare la richiesta di entrarne a far parte. Queste richieste sono poi processate dal proprietario del team che decide se ammetterli o meno e quindi se accettare o negare la richiesta.

Il giorno 2 Aprile, Microsoft ha pubblicato la notifica MC177013 di Office 365, annunciando che Teams supporta una nuova opzione che permette ai membri del team di nominare altri utenti invitandoli a partecipare ad un team privato. Il rollout della funzionalità dovrebbe essere stato completato alla fine di Aprile: dovreste già poterla utilizzare.

In poche parole, lo scenario è questo: al posto dell’utente che chiede di essere ammesso al team, un membro esistente può proporre e richiedere la partecipazione di un altro utente.
La richiesta/nomina proveniente da un membro fidato (poichè fa già parte del team) è più facile che venga accettata dal proprietario rispetto ad una richiesta proveniente da una persona x.

Fare una proposta
Per nominare qualcuno, vi basta cliccare Add member dal menù del Team […] o dal menù Manage team.
A questo punto, potete inserire i nomi o gli indirizzi email delle persone che volete entrino a far parte del team.
Possono essere proposti solo gli account individuali facenti parte del tenant: non potete aggiungere utenti guest o utilizzare liste di distribuzione per aggiungere un’intera lista di utenti.

Microsoft Teams: i membri di un team privato possono invitare altri utenti a partecipare

Una volta fatto, cliccate sulla voce Send Request.
Team notificherà al proprietario del team che vi sono delle richieste in attesa all’interno del loro activity feed e via email.

Processare le richieste in sospeso
Il team owner può cliccare sul link ricevuto via email o entrare nell’activity feed per essere re-indirizzato al set di richieste pending.
Quest’ultime includono le richieste fatte dai membri del team e quelle generate da chi si è auto-proposto.

Microsoft Teams: i membri di un team privato possono invitare altri utenti a partecipare

A questo punto, il proprietario può accettare o negare la richiesta.
Chi viene proposto ed accettato non riceve alcuna notifica: l’utente verrà automaticamente al Team che troverà tra l’elenco dei team di cui fa parte. Inoltre, Teams notificherà la nuova “iscrizione” all’interno del General channel.
L’utente potrà accedere al nuovo canale immediatamente (se è loggato) o al prossimo accesso su Teams.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: Users Can Propose Others for Membership of Private Teams.

Cosa sono le Room di Microsoft Teams?

Torniamo a parlare di uno dei prodotti di punta di Office 365: Microsoft Teams.
Spesso si fa difficoltà a definire le Room di Teams: cerchiamo di capirne un po’ di più in questo post.

Una Microsoft Teams Room è una sala riunioni abilitata per l’utilizzo di Microsoft Teams.

Cosa sono le Room di Microsoft Teams?

Possiamo vedere Microsoft Teams Rooms come una linea di prodotti offerti da diversi vendor.
A livello di programma, non ha nulla di diverso rispetto al vecchio Lync Phone Edition per cui Microsoft aveva chiesto ai vendor di creare un telefono che potesse eseguire un’applicazione (Lync Phone Edition) da loro sviluppata e per cui l’aggiornamento fosse una loro responsabilità. Tre vendor si erano fatti avanti: Poly, Aastra ed HP. Il prodotto risultante è conosciuto come telefono Aries.

Skype Room System Version 2
I sistemi Microsoft Teams Rooms sono un’evoluzione di Skype Room System Version 2.
SRSv2 è un programma in cui Microsoft ha chiesto ai vendor di produrre hardware ma, la differenza rispetto a Lync, è stata che Microsoft ha deciso in anticipo quale hardware avrebbe dovuto eseguire la sua applicazione.
Inizialmente, era stato limitato al Surface Pro che doveva doveva essere di una particolare generazione ed eseguire una particolare versione di Windows per poter eseguire l’app SRSv2 Windows store.

I vendor produssero l’hardware restante che includeva un dock per ospitare il Surface Pro e che includeva un modo per connetterlo ad uno o due schermi, un microfono ed 1/2 telecamere.

Il programma fu annunciato ad una delle più grandi conferenze tecnologiche diversi anni fa e furono 3 i vendor nominati quella volta: Logitech, Polycom e Crestron.
Logitech è stato il primo a mettere sul mercato il suo Smart Dock. Polycom lo seguì a ruota almeno un anno dopo. Creston, come gli altri due, creò la propria versione del dock ed i propri specifici dispositivi audio/video.

Lenovo se ne uscì con la sua propria interpretazione del SRSv2 con il ThinkSmart Hub che utilizzava un Lenovo desktop PC con un Lenovo Touch screen.

Tutti questi, eseguivano un’app Windows Store programmata per essere eseguita correttamente se rilevava l’hardware corretto, in particolare il dock.

Microsoft Teams Rooms
Microsoft, con Team, ha creato un modo più flessibile di partecipare e, dal tipo di configurazione scelta, sembra che abbia preso spunto da Lenovo.
MTR ha infatti bisogno dei seguenti elementi:

– Un PC con Windows 10 per poter eseguire la Windows Store App
– Un pannello touch per l’interfaccia utente
– Una webcam
– Uno speaker
– Un microfono
– Un modo per i partecipanti in presenza di mostrare il contenuto dei loro PC

Vi sono diversi vendor nel programma inclusi Logitech, Yealink, HP, Crestron e Lenovo.
Per la lista completa ed aggiornata: Room systems.

Ogni vendor presenta una diversa ma, in qualche modo, somigliante interpretazione del kit list.
Ognuno presenta alcuni modelli che si adattano a diverse dimensioni delle sale riunioni.

Il PC in uso include Intel Nuc e HP Slice più Lenovo SRS, Surface Pro dock ed un PC costruito appositamente per ospitare il touch screen ed i connettori da Creston.

Il resto dei componenti è variabile. HP ha fatto una partnership con Poly ed utilizzato la loro webcam ed il Trio per l’audio e video.
Ha fatto poi una partnership anche con Logitech ed utilizzato alcune delle loro webcam per unire diverse soluzioni. Inoltre, ha collaborato con Logitech ed utilizzato le webcam Rally, PTZ Pro e C930. Per alcune soluzioni è infatti difficile stabilire quale sia il vendor principale.

Aggiornamento per SRSv2
Andando a stringere, Microsoft Teams Rooms è un aggiornamento della stessa app di Windows Store utilizzata in SRSv2.
Ciò che varia è l’interfaccia utente che potere scegliere e configurare nelle impostazioni.
Qui sotto la schermata di riferimento: sono praticamente uguale, quello che cambia è il logo nell’angolo in alto a destra.
Il primo riquadro riporta un esempio di meeting di Teams, il secondo un meeting Skype for Business.

Cosa sono le Room di Microsoft Teams?

Microsoft Teams Rooms può collegare sia meeting di Teams che Skype for Business se sono impostati nella maniera giusta: Skype for Business e Microsoft Teams (default).

Cosa sono le Room di Microsoft Teams?

Microsoft Teams Room è ancora un work in progress: ci sono ancora funzionalità su cui Microsoft sta lavorando e su cui verranno sicuramente apportati cambiamenti.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: What is a/are Microsoft Teams Rooms?.

Novità su Teams: integrazione della whiteboard nei Teams meeting, ink grab ed ink beautification

La Microsoft Whiteboard continua ad evolvere rapidamente.
Lo scorso mese, Microsoft ha introdotto l’integrazione della Whiteboard all’interno dei Team meeting e due funzione di inchiostro intelligente. Che scelgano di prendervi parte da una meeting room o da remoto, la Microsoft Whiteboard all’interno dei Teams Meeting (commercial preview) permette ai partecipanti provenienti dallo stesso tenant, di entrare nella conversazione, indipendentemente dal dispositivo utilizzato.
Per una collaborazione facile e veloce, la lavagna è condivisa automaticamente con tutti i partecipanti alla riunione.
Per abilitare la Whiteboard in un Teams meeting, vi rimandiamo al seguente articolo: Usare Whiteboard in Microsoft Teams.

Novità su Teams: integrazione della whiteboard nei Teams meeting, ink grab ed ink beautification
Ingrandite la GIF per vedere la Whiteboard in azione

La funzionalità di ink grab, vi permette di fotografare le vostre note scarabocchiate su una lavagna fisica e trasformarle in inchiostro digitale sulla Whiteboard App.
Non è necessario ri-creare la lavagna dalle bozze: tutte le informazioni saranno catturate.
Se, ad esempio, iniziate una sessione di brainstorming su una lavagna fisica, potete facilmente continuarla sulla lavagna digitale ed includere nella conversazione anche collaboratori remoti.
Vi basta scattare una foto al contenuto ed utilizzare la funzione di ink grab per trasformarlo in inchiostro digitale.

Avete una brutta scrittura? Non preoccupatevi!
La funzionalità di ink beautification, o abbellimento dell’inchiostro, accresce la leggibilità delle note prese velocemente all’interno della Whiteboard canvas la quale analizza la scrittura a mano e la sostituisce automaticamente con un tratto più leggibile.
Questa funzionalità permette l’aumento di collaborazione, apprendimento ed ideazione rispondendo a necessità presentate da molti utenti che trovano difficile utilizzare la penna o l’inchiostro.

Novità su Teams: integrazione della whiteboard nei Teams meeting, ink grab ed ink beautification
Ingrandite la GIF per vedere la funzionalità in azione

Assieme, queste funzionalità di inchiostro intelligente, riducono le difficoltà associate alla collaborazione.
Utilizzando la bacchetta magica (esempio nell’immagine qui sopra) i colleghi potranno collaborare in maniera semplificata con voi e con le vostre creazioni scritte.
Le funzionalità di ink grab ed ink beautification sono disponibili all’interno delle app di Win10.
La seconda, in particolare, verrà distribuita nel prossimo update delle app di iOS.

Potete scaricare la Microsoft Whiteboard oggi stesso a questo link: download e info.


Le informazioni presenti a questo post, sono prese dall’articolo: Whiteboard in Teams meetings integration, ink grab and ink beautification are here!

Microsoft Teams vince il premio Enterprise Connect Best in Show

Lo scorso mese, all’evento Enterprise Connect tenutosi ad Orlando (Florida), Microsoft Teams ha vinto il premio Best in Show per il secondo anno di seguito.
Il riconoscimento è frutto dell’impegno di Teams per rendere comunicazione e collaborazione più semplici per l’intera forza lavoro, inclusi i lavoratori da prima linea.
Inoltre, Microsoft Teams ha da poco compiuto il secondo anno di vita dal lancio mondiale.
Nel corso dei 2 anni passati, Teams è cresciuto significativamente sia nel numero di funzionalità che nel numero di utenti che lo utilizzano. Lo stesso vale per l’hub di teamwork che ha unito le persone e promosso una cultura dell’engagement e dell’inclusione. Inoltre, Microsoft ha rivelato 8 nuove funzionalità che rendono la collaborazione ancora più aperta, efficace e sicura.
A questo link la keynote di Microsoft all’Enterprise Connect.

Più di 500.000 aziende, incluse 91 delle Fortune 100, utilizzano Teams per collaborare da diverse location, fusi orario e lingue.
Tra queste: Cerner, Cox Automotive, dm-drogerie markt, Dr. Reddy’s Laboratories, Hendrick Motorsports, Konica Minolta, Lexmark, Mitsui & Co., National Bank of Canada, Pfizer, Razer, Ricoh, e Trek Bicycle.
Teams è attualmente disponibile in 44 lingue su 181 mercati e presto Microsoft rilascerà il supporto per ulteriori 9 lingue tra cui Hindi, Filipino, Bengali, Telugu, Tamil, Marathi, Gujarati, Kannada e Malayalam.

Microsoft Teams vince il premio Enterprise Connect Best in Show

Teams rende la collaborazione più inclusiva, efficace e sicura
Microsoft Teams sta migliorando la collaborazione fra colleghi aiutando le aziende a spostarsi da un ventaglio di app diverse ad un unico hub che unisce ciò di cui i team hanno bisogno: chat, riunioni e telefonate, il tutto con un’integrazione nativa alle app di Office 365. Gli utenti possono personalizzare ed estendere la loro esperienza con app di terze parti, processi e dispositivi fornendo loro gli strumenti di cui hanno bisogno per completare le attività.

Perseguendo la volontà di migliorare e customizzare l’esperienza mobile di Teams annunciata in Gennaio, oggi vi riveliamo 8 nuove funzionalità che rendono i meeting ancora più aperti ed efficaci mentre vengono raggiunti nuovi livelli di sicurezza e compliance.

1. Background personalizzato sviluppa ulteriormente la tecnologia intelligente background blur, permettendo ai partecipanti di selezionare uno sfondo personalizzato. Dietro di voi, durante un meeting o una video call, potrà apparire un logo aziendale o un ambiente stile ufficio per quando lavorate da casa.
Tutto questo migliora l’efficienza dei meeting da remoto incoraggiando l’utilizzo del video mentre si riducono le distrazioni.
La funzionalità sarà rilasciata più avanti nel corso dell’anno.

Microsoft Teams vince il premio Enterprise Connect Best in Show

2. Camera dei contenuti e Cattura intelligente: sono due funzionalità presenti in Microsoft Teams che supporteranno una camera aggiuntiva per la cattura dei contenuti, quali le informazioni scritte su lavagne analogiche. Utilizzando una qualsiasi camera USB, Microsoft Teams Rooms sfrutterà il nuovo processo di Cattura Intelligente per catturare, focalizzare, ridimensionare e migliorare immagini e testo su una lavagna. In questo modo, anche i partecipanti in collegamento da remoto potranno vedere chiaramente il brainstorming sulla lavagna in tempo reale. Vedranno addirittura la persona che si trova in piedi davanti alla lavagna.
Anche questa funzionalità sarà rilasciata più avanti nel corso dell’anno.

Microsoft Teams vince il premio Enterprise Connect Best in Show

3. La Microsoft Whiteboard nei Teams meetings fornisce ai partecipanti alla riunione, una lavagna digitale.
Con il supporto in arrivo per Whiteboard in Microsoft Teams Rooms, i partecipanti in persona potranno contribuire alla creazione di contenuto.
Potrete anche aggiungere contenuto da una lavagna fisica alla Whiteboard canvas senza dover ricreare il contenuto da una bozza.
Sia che scegliate di partecipare dalla meeting room che da remoto, Whiteboard in Teams permetterà a chiunque di partecipare attivamente alla conversazione.
La funzionalità è già da ora in preview.

4. Cattura live e sottotitoli: questa funzionalità renderà le vostre riunioni su Teams ancora aperte a partecipanti sordi o con difficoltà uditive, a chi possiede diversi livelli di conoscenza linguistica ed a chi si connette da una postazione rumorosa.
Migliorate l’efficienza delle riunioni permettendo ai partecipanti di leggere le didascalie degli speaker in real time: in questo modo saranno maggiormente sincronizzati e pronti a contribuire alla discussione.
In arrivo la preview in lingua inglese.

Microsoft Teams vince il premio Enterprise Connect Best in Show

5. I Canali sicuri e privati vi permettono di personalizzare quali membri del team possano vedere conversazioni e file associati ad un canale.
Potete limitare la partecipazione ad un canale e l’esposizione quando necessario senza dover creare team separati per limitarne la visibilità.
Questa era una delle funzionalità maggiormente richieste dagli utenti: Microsoft la sta testando internamente e con alcuni clienti selezionati.
La funzionalità sarà rilasciata più avanti nel corso dell’anno.

6. Le barriere informative evitano i conflitti di interesse all’interno della vostra organizzazione, limitando quali persone possano comunicare e collaborare fra di loro su Microsoft Teams. In questo modo, si limita la divulgazione di informazioni mantenendo il controllo tra chi detiene le informazioni ed i colleghi che rappresentano diversi interessi, ad esempio i Firstline Worker. Questa funzionalità è particolarmente interessante per le aziende che devono aderire a requisiti di tipo Ethical Wall ed altri standard e regolamenti.
In arrivo a breve.

7. Data Loss Prevention (DLP) all’interno di chat e conversazioni abilita gli utenti a rilevare, proteggere automaticamente e controllare informazioni sensibili all’interno di chat e conversazioni. Creando delle policy DLP, gli amministratori possono aiutare a prevenire che informazioni sensibili vengano involontariamente condivise o divulgate sia all’interno che all’esterno dell’organizzazione.
Funzionalità attualmente disponibile per tutti i piani Office 365 e Microsoft 365 che includono Office 365 Advanced Compliance.

8. Eventi live su Microsoft 365: la funzionalità permette a chiunque di creare eventi live e on-demand che distribuiscono comunicazioni persuasive a dipendenti, clienti e partner.
Gli eventi live utilizzano video e discussioni interattive tra le app di Teams, Stream o Yammer e possono essere semplici o sofisticati. Agli eventi in real-time possono partecipare fino a 10.000 utenti provenienti da qualunque parte del mondo, da diversi dispositivi oppure prenderne parte successivamente con la potenza delle funzionalità di intelligenza artificiale – quali la trascrizione automatica – per sbloccare il contenuto della registrazione dell’evento.
La funzionalità è già disponibile.

Per saperne di più: What’s new in Microsoft Teams.


Le informazioni presenti in questo post, sono prese dall’articolo: Microsoft Teams wins Enterprise Connect Best in Show award and delivers new experiences for the intelligent workplace.